“Dall’11 giugno mio figlio dovrebbe essere a casa agli arresti domiciliari, ma si trova ancora in carcere perché mancano i braccialetti elettronici”. Luisella Piazza è la madre di Nicolò Mirandola, un giovane falegname arrestato per “concorso morale” per il corteo contro il comizio di Casapound del 22 febbraio a Torino. Ha iniziato oggi uno sciopero della fame di fronte al carcere delle Vallette dove suo figlio è detenuto dal 29 di marzo. Tre settimane fa il Gip Stefano Vitelli aveva concesso i domiciliari con il vincolo del braccialetto elettronico, ma come spiega il suo avvocato Roberto Lamacchia: “Ci è stato comunicato che gli apparecchi non erano disponibili”. Un caso sempre più comune nelle carceri italiane come denuncia la madre del giovane: “Con questo sciopero voglio portare alla luce un problema che è di tante persone, oggi può accadere a me, ma domani potrebbe accadere anche a qualcun altro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby ter, dopo mesi riuniti i due filoni sulla corruzione ma processo va al 24 settembre. Fadil: “Rinvio scandaloso”

next
Articolo Successivo

Compravendita senatori, la Cassazione conferma la prescrizione per Silvio Berlusconi

next