“Spero che il governo non aumenti il deficit. In quel caso ci sarebbe il rischio di una crisi da spread“. A dirlo, al Festival del lavoro di Milano, è Carlo Cottarelli, ex commissario alla spending review e direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici dell’università Cattolica di Milano. “L’idea che aumentando il deficit il pil cresce e questo fa diminuire il debito pubblico non l’ho mai vista in nessun Paese”, ha aggiunto l’economista. Nell’ultimo rapporto pubblicato dal suo osservatorio si sottolinea come senza la stretta sui conti operata da Mario Monti, oggi il rapporto tra debito pubblico e pil sarebbe più alto di circa 11 punti percentuali, tra il 142 e il 145%. “La stretta fiscale del 2011 non ha fatto bene all’economia – ha chiarito Cottarelli – ma almeno è servita per mettere in ordine i conti pubblici. Se non si fosse fatta, il Pil sarebbe caduto ancora di più”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

M5s, Lombardi: “Via Almirante a Roma? Io avrei votato sì. Fascisti e antifascisti è classificazione generica”

next