Ha deciso di prendere la parola per dichiarazioni spontanee dopo l’arringa dei suoi avvocati. Ed ha pianto: “Non è vero che volevo far fallire la banca – ha detto con voce rotta dalla commozione – Io ho dato tutto per quella banca”. Denis Verdini è scoppiato in lacrime nell’aula del tribunale di Firenze dove è in corso il processo d’appello per il crac dell’ex Credito cooperativo fiorentino, per il quale l’ex parlamentare è stato condannato in primo grado a 9 anni (7 anni per la bancarotta e 2 per la truffa).

Secondo il collegio dei giudici del Tribunale di Firenze presieduto da Mario Profeta, la gestione della banca è “risultata imprudente quanto ambiziosa, seguita dalla consapevolezza, maturata dapprima dal senatore di Ala e, subito dopo, quanto meno a partire dal settembre 2008 anche dal management – scrissero nelle motivazioni della sentenza – di un imminente disastro, ormai inevitabile e reso poi palese dall’ispezione della Banca d’Italia del 2010″.

Il “danno – scrissero – è stato enorme…” e “non si può certo partire dai minimi edittali, salvo porre sullo stesso piano l’amministrazione di una società che distrae la macchina aziendale, percepisce illecitamente compensi, ruba la cassa e crea un danno di poche migliaia di euro e chi, invece, ha posto in essere le condotte precedentemente esposte”.

Secondo l’ex senatore di Ala, invece, la gestione della banca descritta dall’accusa ed evidentemente anche dai giudici di primo grado, a suo avviso, “nega la storia di una comunità, che ho creato con forza, passione e dedizione”. “Ho preso le ceneri di una piccola banca – ha aggiunto – e l’ho fatta sviluppare, trasformandola in una comunità”. Verdini ha quindi sottolineato come “persone con cui sono nato e cresciuto, e che sono morte prematuramente, in questo processo sono state sbatacchiate dagli eventi”.

Nel corso dell’udienza di oggi in difesa di Verdini hanno parlato gli avvocati Ester Molinaro e Franco Coppi, che hanno chiesto per lui la piena assoluzione da tutti i fatti contestati. La prossima udienza, per eventuali repliche, il 3 luglio prossimo. Poi la corte si ritirerà in camera di consiglio per la sentenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terni, ex sindaco Pd e altri 19 rinviati a giudizio: a processo per “irregolarità nell’affidamento di appalti pubblici”

next