Non ha lasciato nessun biglietto d’addio, né in auto né nella sua casa di Roma Nord. Consuelo Palmerini, campionessa dell’equitazione di 46 anni, si è gettata la mattina di martedì 18 giugno da un cavalcavia della Cassia bis, nei pressi dello svincolo di Prima Porta Castel de’ Ceveri. Si è buttata, è caduta su un furgone ed è stata sbalzata dall’altra parte della carreggiata. A causa dell’impatto violentissimo è morta sul colpo. L’autista del furgone è Carlo Peciaroli, un 68enne residente in provincia di Viterbo, che è rimasto gravemente ferito ed è stato trasportato con l’eliambulanza al Gemelli. Il Corriere della Sera scrive che sono in corso le indagini e che è stato acquisito il cellulare della donna per verificare contatti e messaggi avuti negli ultimi giorni. Palmerini, continua il giornale, “era un’allevatrice ed istruttrice federale, campionessa italiana nel 1992, ma anche amazzone di primo piano e di livello internazionale già prima, con i successi a Piazza di Siena e nei campionati europei”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, la nave Diciotti in attesa di un porto di sbarco. Ha 522 migranti a bordo

next
Articolo Successivo

Soldati e diritti sindacali, la legge compie quarant’anni e diventa incostituzionale

next