“Noi siamo italiani da 7 generazioni”. Alla proposta di censimento dei Rom lanciata da Matteo Salvini, rispondono anche i Casamonica, clan sinti della Capitale. Per Luciano Casamonica, nipote di Vittorio, per il quale nel 2015 la famiglia organizzò un funerale con Rolls Royce, carrozze e le musiche del Padrino, il ministro dell’Interno “può dire quello che vuole” ma “con due parole non può cambiare la vita delle persone”.

“Io sono nato a Roma e mi sento romano – sottolinea – Lavoro e ho fatto cinema. I miei figli sono nati qui e il mio papà era abruzzese“. Nelle ore precedenti, all’agenzia Dire, aveva parlato Angela Casamonica: “Salvini non mi fa paura, mi sembra una brava persona”. La donna dice di non avere “niente a che spartire con lui” che “parla, fa il suo lavoro” ma “con noi deve rigare dritto, non dire che viene a cacciare le persone”. In serata, la risposta del ministro: “Qualcuno dei Casamonica mi minaccia e mi invita a ‘rigare dritto’? Non mi spaventa, anzi mi dà ancora più forza per riportare ordine, legalità e giustizia in Italia”.

Il vice-premier aveva sottolineato come gli irregolari, stando al dossier allo studio del Viminale, vanno allontanati, mentre “purtroppo gli italiani dobbiamo tenerceli”. I Casamonica, dice la donna del clan, sono italiani: “Noi siamo brava gente, la nostra famiglia si sta comportando bene. Noi siamo nati qua, Salvini ci vuole cacciare? Ma che vuole da noi? Non lo può fare: abitiamo qui da una vita, tutto il quartiere ci ha visti crescere, ci vogliono bene tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestate tre persone per l’omicidio di Bagalà. L’omicidio avvenuto nel 2012 ripreso dalle telecamere

prev
Articolo Successivo

Salvini: “Avrò l’onore di incontrare Papa Francesco”. Ma il Vaticano smentisce

next