Saranno celebrate a fine estate le prime nozze gay nella famiglia reale britannica. Lord Ivar Mountbatten, cugino della regina Elisabetta, che due anni fa aveva fatto coming out, sposerà il compagno James Coyle, 56 anni, conosciuto sulle piste da sci del villaggio alpino di Verbier. Secondo il Daily Mail le nozze saranno celebrate nella cappella privata della tenuta di lord Mountbatten, nel Devon.

Figlio cadetto di David Michael Mountbatten, che fu terzo marchese di Milford Haven e testimone di nozze di Filippo ed Elisabetta, nonché discendente diretto della regina Vittoria, lord Mountbatten, 55 anni, è stato sposato fino al 2011 con Penelope Thompson, da cui ha avuto tre figlie: Ella, 22 anni, Alix, 20, e Luli, 15. Sarà proprio l’ex moglie, ha detto lo stesso lord al tabloid, ad accompagnarlo all’altare. “E’ stata un’idea delle ragazze”, ha raccontato lady Penny nella sua prima intervista sulla vicenda al giornale. “Mi sento emozionata e commossa”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valeria Marini sbaglia a usare Photoshop? La foto con una strana ombra, poi rimossa

next
Articolo Successivo

6|5, il primo romanzo sulla crisi dei mercati raccontata da chi l’ha inventata. Che non è un umano

next