“Quello che sembrava all’inizio un soccorso ‘normale’ di migranti sta diventando un vero viaggio della speranza“. Parla Alessandro Porro, soccorritore a bordo della nave Aquarius – gestita da Sos Mediteranée e Medici senza frontiere – che si sta dirigendo verso Valencia (dove arriverà non prima di domenica) girando intorno alla Sardegna. Le condizioni meteo sono state molto dure durante la notte, con onde fino a 4 metri e vento a 35 nodi. Il team medico di Msf ha assistito almeno 80 persone con sintomi da mal di mare, tra cui donne incinte e una neo-mamma che allattava il suo bambino. La maggior parte delle persone ha dormito nel riparo allestito all’interno della nave per proteggerle dal vento. “È stata una notte molto dura, il mare era grosso e la maggior parte delle persone ha avuto il mal di mare. Stamattina molte di loro stanno ancora male, ma la situazione è più serena. Le persone sono nel riparo e si stanno riprendendo dalla nottata. Abbiamo distribuito arance, barrette di cereali, cornetti e thè freddo forniti ieri dalla Guardia Costiera e le condizioni del mare sono leggermente migliori”, racconta Aloys Vimards, capo progetto di Msf a bordo della Aquarius.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, incendio in centro vicino alla casa di Fico: una donna ustionata, tre intossicati. Le prime immagini

prev
Articolo Successivo

Ancona, auto sommersa dall’acqua in un sottopassaggio: i poliziotti si tuffano e salvano le due donne rimaste bloccate

next