Nella Capitale migliaia di persone in piazza per il Roma Pride 2018, quest’anno nel segno della “Liberazione continua”, ispirato dai valori della Resistenza e della Costituzione. La parata dell’orgoglio Lgbtqi sfila da piazza della Repubblica a piazza Madonna di Loreto. Dietro al carro di testa – la “Brigata arcobaleno” – spiccano quelli del Circolo “Mario Mieli” con le bandiere bianche e quello del “Muccassassina” con la sua musica a tutto volume. In piazza anche le “Famiglie arcobaleno“.

“Quest’anno – spiega il portavoce Sebastiano Secci, presidente del Circolo Mario Mieli e portavoce del Roma Pride – il tema è ‘Brigata arcobaleno, la liberazione continua’. L’Italia è un Paese in cui nel 2018 è ancora in dubbio la nostra esistenza, ma la Costituzione dice cose precise, e noi ce le facciamo dire dai partigiani che sono in piazza con noi. Se loro sono oggi con noi, vuol dire che siamo dalla parte giusta della storia“. Al corteo partecipano infatti i partigiani dell’Anpi Tina Costa, 93 anni, e Modesto, 92.Tra i personaggi politici alla partenza il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il vicesindaco di Roma, Luca Bergamo, la leader radicale Emma Bonino e la segretaria della Cgil Susanna Camusso.

Trento – Da piazza Dante a Trento è partita invece la parata del primo Dolomiti Pride. Numerosi partecipanti sfilano indossando bandiere arcobaleno, tenendo in mano palloncini colorati e indossando magliette con la scritta “E’ l’amore che crea una famiglia”. Presenti militanti del Pd, dei sindacati e dell’Unione degli universitari. Al Dolomiti Pride hanno dato il loro patrocinio tra gli altri il Comune di Trento e le Università di Trento e Bolzano, mentre aveva fatto discutere il rifiuto del presidente della Provincia di Trento, Ugo Rossi, a capo di una coalizione di centrosinistra.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma pride, marceremo perché due gay che si tengono per mano non subiscano più omofobia

prev
Articolo Successivo

Disabili, ministero per 3 milioni d’italiani. Associazioni, operatori e famiglie divisi tra la “svolta epocale” e il “rischio flop”

next