“Abolizione del cottimo, del rating e del ranking, con la copertura assicurativa per tutte e tutti”. Queste sono solo alcune delle richieste che i rider milanesi hanno portato mercoledì sera al presidio pubblico davanti a Palazzo Marino per chiedere l’apertura di un tavolo con le aziende delle piattaforme digitali al Comune di Milano. “Quello che è successo a Francesco si poteva evitare”, commenta qualcuno a proposito dell’incidente che la scorsa settimana ha coinvolto un ragazzo 27enne che dopo aver effettuato delle consegne è finito sotto un tram perdendo la gamba destra. “Si è sempre portati a lavorare in un ambiente pieno di stress, ci chiedono di andare sempre più in fretta e lavorando a cottimo, sapendo che lavoro di più se corro, mi ritrovo correre più forte”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, licenziata dopo il cancro viene reintegrata. La vittoria di Giuseppina: “Merito di Papa Francesco”

next
Articolo Successivo

Superministero Lavoro-Sviluppo, giuslavoristi divisi: “Bene un interlocutore unico sulle crisi”. “Rischio di sovraccarico”

next