“Abolizione del cottimo, del rating e del ranking, con la copertura assicurativa per tutte e tutti”. Queste sono solo alcune delle richieste che i rider milanesi hanno portato mercoledì sera al presidio pubblico davanti a Palazzo Marino per chiedere l’apertura di un tavolo con le aziende delle piattaforme digitali al Comune di Milano. “Quello che è successo a Francesco si poteva evitare”, commenta qualcuno a proposito dell’incidente che la scorsa settimana ha coinvolto un ragazzo 27enne che dopo aver effettuato delle consegne è finito sotto un tram perdendo la gamba destra. “Si è sempre portati a lavorare in un ambiente pieno di stress, ci chiedono di andare sempre più in fretta e lavorando a cottimo, sapendo che lavoro di più se corro, mi ritrovo correre più forte”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, licenziata dopo il cancro viene reintegrata. La vittoria di Giuseppina: “Merito di Papa Francesco”

prev
Articolo Successivo

Superministero Lavoro-Sviluppo, giuslavoristi divisi: “Bene un interlocutore unico sulle crisi”. “Rischio di sovraccarico”

next