A distanza di qualche giorno dalla lite con Fabrizio Corona a Stasera Italia, Alda D’Eusanio torna sull’argomento e lo fa a Radio Cusano Campus. Durante la trasmissione di Rete4, l’ex Re dei paparazzi aveva chiamato proprio mentre si stava parlando di lui per dire alla D’Eusanio “mi hai leccato il c*** per cinque anni”. Lei, ovviamente, non si era lasciata scappare la possibilità di rispondere per le rime e ieri a ha rincarato la dose. annunciando anche una querela: “Ero stata invitata per parlare dei linguaggi della politica, poi in un break pubblicitario è stato cambiato l’argomento, che è diventato Fabrizio Corona, al quale avevano restituito la parola. Sembrava che ci fosse quasi una sua riabilitazione. Io ho solo detto che non è una vittima di malagiustizia ma ha fatto una sfilza inenarrabile di reati, senza avere nemmeno la giustificazione di venire da una brutta famiglia. Il padre è stato un giornalista bravissimo, era una famiglia agiata e colta”.

“Ho detto che i mass media devono smetterla di far passare questo personaggio come una brava persona – ha aggiunto ancora la D’Eusanio– non ho mai capito perché giornalisti del calibro di Costanzo o Feltri lo difendano attaccando la giustizia. Lui ha detto che gli avrei baciato quella parte posteriore del corpo per 5 anni, io ho detto che non era possibile per due motivi, perché l’ho incontrato tre volte nella mia vita e mi ha sempre fatto schifo. L’ho visto due volte a casa di Lele Mora, dove il suo ruolo era un ruolo che attiene alla sfera privata delle persone, e non ne parlo, ma quello mi aveva fatto molto schifo. Sono l’unica che gli ha detto quello che è”.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La Notte del Maestro, l’addio al calcio di Andrea Pirlo: San Siro in visibilio, “una vera e propria educazione sentimentale del tifoso”

prev
Articolo Successivo

Giuseppe Conte, su Twitter ecco l’account fake: e il premier in pectore parla come Rovazzi

next