Trovato agonizzante all’alba in un parcheggio poco distante da una discoteca di Vergiate, in provincia di Varese, al termine di una lite tra due amici della sua stessa compagnia. Manuel Cantisani, 28enne di Cardano al Campo, aveva cercato di sedare quella rissa, scoppiata nella notte tra sabato e domenica, ma nel tentativo è finito spintonato a terra, sbattendo la testa. A quel punto, come risulterebbe dalle immagini di sorveglianza, il ragazzo è stato anche travolto da una macchina che si stava allontanando a tutta velocità dal parcheggio. Per l’episodio, una persona è stata iscritta nel registro degli indagati per omicidio stradale, come confermato dalla Procura di Busto Arsizio.

In un primo momento gli inquirenti avevano pensato a un investimento da parte di un pirata della strada. Il conducente dell’auto ha dichiarato di non essersi accorto della presenza del ragazzo e neppure di averlo travolto. Le indagini dei Carabinieri sono partite da una chiamata al 118, intorno alle 4 di domenica mattina, da parte di alcuni giovani che uscivano dalla discoteca Picasso, a pochi di metri dal luogo del ritrovamento del 28enne, morto poco dopo in ospedale. Secondo i primi accertamenti, la discussione sarebbe nata al ritorno da un locale di Castel Ticino, nel Novarese, dove si trovava la compagnia prima di trasferirsi nella discoteca del Varesotto. A scatenarla, una risposta data da un amico della vittima alla fidanzata di un altro. Accompagnate a casa due ragazze del gruppo, la lite è proseguita, con toni sempre più pesanti, a Vergiate.

I testimoni hanno parlato di schiaffi e insulti proseguiti per oltre trenta minuti. Cantisani avrebbe tentato di mettersi in mezzo tra due suoi amici, venendo spintonato a terra e poi travolto da un’auto. Tutti i giovani che erano con la vittima sono stati identificati e convocati per essere sentiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Chieti, lancia la figlia dal viadotto e si suicida. Il sindaco ricostruisce la tragedia: “Corpo della bimba a terra. Noi impotenti”

prev
Articolo Successivo

Chieti, il testimone: “Ho soccorso la moglie di Fausto Filippone, poi lui ha detto: vado a prendere mia figlia”

next