Si è gettata col figlio di sette anni dal 25esimo piano del Gotham Hotel, in pieno centro a Manhattan. Dietro al suicidio-omicidio di Stephanie Adams, ex modella che a novembre 1992 era anche finita sulla copertina di Playboy, c’è lo scontro con l’ex marito per la custodia del bambino, che la Adams, 47 anni, voleva portare in Spagna per le vacanze estive, come riporta il New York Post.

La Adams si è lanciata dal piano più alto dell’hotel intorno alle 8 di venerdì mattina. “Abbiamo sentito due suoni sordi e distinti: ha gettato il bambino e poi si è lanciata nel vuoto”, ha raccontato un testimone. Madre e figlio erano entrati in hotel giovedì pomeriggio. L’ex modella, che in passato aveva anche avuto una relazione con Robert De Niro ma che era ormai lontana dai riflettori, stava affrontando un momento difficile: dopo averlo conosciuto su un sito di incontri, la relazione tra lei e il chiropratico Charles Nicolai era diventata burrascosa e nell’ultimo periodo gli scontri per la custodia del figlio Vincent si erano fatti sempre più duri.

Di recente Adams stava combattendo per ottenere il permesso di portare il bimbo in Spagna, dove vive il suo fidanzato. Nicolai si era opposto al piano e solo mercoledì la Corte Suprema di Manhattan gli aveva dato ragione, obbligando la donna a restituire il passaporto di Vincent: “Tutto quello che volevo fare era prendere mio figlio e allontanarmi da questo incubo solo per qualche giorno”, aveva spiegato tra le lacrime al termine dell’udienza. Resta il mistero sul fatto che Adams abbia prenotato una suite al Gotham Hotel, quando ha una casa di proprietà proprio a Manhattan. “Stephanie amava il suo bambino. Era tutta la sua vita. Non posso credere che lo abbia fatto. Pensate – ha raccontato sempre al Post un amico intimo della donna – che aveva deciso di far studiare Vincent a casa proprio per poter passare più tempo con lui”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Successivo

Meghan Markle al Royal Wedding e le dive di Cannes. Due universi a confronto

next