Benito Mussolini, Statista, 1883-1945″. Sotto, una grande immagine del Duce. Il grembiule indossato da Nunzia Canistro, vicesindaca eletta con una coalizione di centro a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, non è passato inosservato. La foto, che girava sui social network da sabato, ha portato anche l’Anpi locale a chiedere le dimissioni della Canistro, che si è difesa: “Ho sbagliato a prestarmi a un gioco goliardico, ma le mie colpe sono tutte lì.  Sono convinta democratica e antifascista, non accetto lezioni da nessuno su questo”.

A scatenare la polemiche una foto, postata su Facebook da un’amica della Canistro e poi rimossa, scattata all’interno di un ristorante e che ritrae la vicesindaca ai fornelli sorridente mentre cucina e indossa un grembiule su cui è stampata la faccia di Mussolini. Dopo poche ore, sempre a mezzo social, è arrivata la spiegazione della stessa Canistro: “Si tratta di una foto postata senza il mio consenso mentre partecipavo a una festa per il compleanno di un amico”, ha scritto la vicesindaca. “Dispiace che una situazione privata, tra amici che si ritrovano per passare una serata in allegria si ritrovi, per una posa goliardica e finalizzata a strappare un sorriso bonario al festeggiato, al centro di una polemica che, se fosse stata rispettata la privacy e il consenso alle norme previste in materia, non sarebbe mai nata”, prosegue la Canistro.

“Non ho nostalgia del fascismo, così come non ho nessuna intenzione di farmi portavoce di personaggi che la storia ha condannato e che sono lontani dalle istituzioni democratiche e repubblicane”, conclude la vicesindaca, che ha voluto rispondere agli attacchi arrivati tra gli altri anche dall’Anpi di San Giovanni Rotondo: “Chi inneggia al Duce si riferisce a valori che negano la libertà e la democrazia nata dalla Resistenza e dalla Liberazione del fascismo. Chiediamo le dimissioni del vice sindaco ‘nostalgico’ perché incompatibile con l’esercizio di un ruolo istituzionale”, hanno scritto in una nota poi rilanciata su Facebook.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Papa Francesco, a fine giugno 14 nuovi cardinali. Nell’elenco non c’è l’arcivescovo di Milano Mario Delpini

prev
Articolo Successivo

Corruzione, 21 arresti in Lombardia: ci sono un ex magistrato e due avvocati

next