Stava aspettando l’autobus a Rebibbia per tornare a Guidonia quando da una Panda Rossa è sceso un uomo, probabilmente indiano o bengalese, che ha finto di volere chiedere un’informaazione per arrivare a Tivoli e poi le ha offerto un passaggio. L’uomo, che sembrava alterato da alcol e droga, dopo il rifiuto alle avances, l’ha caricata a forza sull’auto e portata, sotto la continua minaccia di un coltello, all’uscita del casello per Guidonia, sotto un cavalcavia, dove ad attenderli c’erano altri due uomini, anch’essi dall’apparente età di 30 anni.

È iniziato così un incubo durato ore per una 43enne come riporta il quotidiano Il Messaggero. A turno hanno abusato di lei, presa a morsi, picchiata e minacciata con un coccio di bottiglia. Alla fine della violenza di gruppo, la donna è stata scaricata in strada. “Avevo paura che mi avrebbero ammazzata“, ha raccontato la vittima ai soccorritori. Ora è caccia al branco che potrebbe aver compiuto altre violenze che non sono state denunciate.

La donna, soccorsa dopo aver chiamato il 113, agli operatori dell’ospedale di Tivoli e agli inquirenti ha raccontato che il primo aggressore beveva birra, fumava e guardava immagini pornografiche mentre le era accanto. Lei ha vomitato due volte: “Ho pensato che alla fine mi avrebbero ucciso, ho cercato di buttarmi dalla macchina in corsa”. Quando sono arrivati in una strada sterrata ad attenderli c’erano gli altri due uomini. Quando tutto è finito è stata scaricata sotto una cavalcavia tra i rifiuti. Senza sapere dov’era la vittima ha cercato aiuto, per fortuna era riuscita ad afferrare la borsa con il telefono: i pochi soldi che aveva non interessavano agli aggressori. I poliziotti che l’hanno soccorsa sono riusciti a individuare il punto e portarla in ospedale dove è stata medicata e aiutata nei delicati momenti in cui il soccorso diventa anche il primo passo per l’inchiesta giudiziaria. La Procura di Tivoli ha aperto un’indagine per stupro di gruppo e sequestro di persona: del caso si occpua il pool antiviolenza. Il procuratore di Tivoli Francesco Menditto ha affidato le indagini al pm che si occupa delle violenze di genere. La donna in queste ore, così come da protocollo, è assistita anche da psicologi. Le indagini sono state affidati agli uomini della squadra mobile e e del commissariato di Tivoli. Gli investigatori stanno vagliando le immagini registrate dalle telecamere di zona per risalire agli autori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Autostrada A4, autobus finisce fuori strada: 26 feriti di cui uno grave. Disagi per il traffico

next
Articolo Successivo

Bergoglio proclamerà santi Paolo VI e Oscar Romero, ucciso dallo squadrone della morte in San Salvador

next