“Dopo Modena Park potevo smettere, molti pensavano che smettessi, dopo una cosa del genere così un po’ sugli allori, aspetti. Ma io non sono fatto così. Andare sul palco vuol dire dovermi tenere anche un po’ in riga”. A poco meno di un anno dal concerto dei record di Modena, Vasco Rossi si prepara per salire di nuovo sui palchi d’Italia, con il Non Stop Live Tour (parte il 27 maggio da Lignano). “Mai pensato di smettere. Dopo Modena Park ho fatto una seduta psicanalitica: mi sono ritrovato a cantare delle canzoni che non cantavo da 30 anni e che avevo scritto quando ne avevo 20. Quando ho iniziato le prove, i primi due tre giorni mi sentivo un po’ spaesato. Dicevo io non sono più quello di Bollicine, non mi ricordavo neanche più le parole. Poi dopo due tre giorni sono ritornato nel clima, mi sono ritrovato dentro, ed è stato come ritornare a casa. Mi sono riappacificato con me stesso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

VASCO DA ROCKER A ROCKSTAR

di Michele Monina e Vasco Rossi 16€ Acquista
Articolo Precedente

Piano City Milano, la domenica tra classico e moderno, glamour e sociale, impegnato e giocoso. Chiude Capossela

prev
Articolo Successivo

Musica, la stoccata di Vasco Rossi: “Non mi piacciono i duetti. Baglioni a Sanremo? Poteva evitare di farsi cantare le canzoni”

next