“Dopo Modena Park potevo smettere, molti pensavano che smettessi, dopo una cosa del genere così un po’ sugli allori, aspetti. Ma io non sono fatto così. Andare sul palco vuol dire dovermi tenere anche un po’ in riga”. A poco meno di un anno dal concerto dei record di Modena, Vasco Rossi si prepara per salire di nuovo sui palchi d’Italia, con il Non Stop Live Tour (parte il 27 maggio da Lignano). “Mai pensato di smettere. Dopo Modena Park ho fatto una seduta psicanalitica: mi sono ritrovato a cantare delle canzoni che non cantavo da 30 anni e che avevo scritto quando ne avevo 20. Quando ho iniziato le prove, i primi due tre giorni mi sentivo un po’ spaesato. Dicevo io non sono più quello di Bollicine, non mi ricordavo neanche più le parole. Poi dopo due tre giorni sono ritornato nel clima, mi sono ritrovato dentro, ed è stato come ritornare a casa. Mi sono riappacificato con me stesso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Piano City Milano, la domenica tra classico e moderno, glamour e sociale, impegnato e giocoso. Chiude Capossela

next
Articolo Successivo

Musica, la stoccata di Vasco Rossi: “Non mi piacciono i duetti. Baglioni a Sanremo? Poteva evitare di farsi cantare le canzoni”

next