Dopo la marijuana, il porno. Pupo, anzi Enzo Ghinazzi, continua la sua esperienza americana con Le Iene e si conferma un 62enne con un’attitudine a dir poco rock’n’roll. “Il Ghinazzi”  stavolta si trova a Las Vegas e l’occasione sono gli AVN awards, cioè una specie di oscar del porno. Obiettivo del servizio è raccontare lo stato dell’arte dell’industria dell’hard. Ma non solo: Pupo ha espresso il desiderio di recitare in un film hard e Le Iene vogliono accontentarlo. Tutto inizia in un centro medico: Pupo deve fare gli esami necessari al debutto nel porno. Da lì in poi, comincia il giro nel mondo della “perdizione”: 125 dollari è il costo dell’ingresso alla più grande fiera di settore. “Sono emozionatissimo”, dice Pupo appena varcata la soglia dell’Hard Rock hotel, dove si tiene la manifestazione. Ed è tutto un incontrare pornostar che ‘provocano’ il Ghinazzi, con tanto di italiani esaltatissimi e pronti a fare un bel selfie con lui. Pupo incontra poi Johnny Sins, attore porno molto famoso con più di mille film all’attivo e ovviamente Rocco Siffredi che mostra al Ghinazzi le bellezze di un seno naturale. Ed è proprio Siffredi a reclutare l’attrice che dovrà recitare con Puporn (così si chiama il servizio). La giornata va avanti, arriva l’ora della cerimonia di assegnazione degli oscar del porno e alla fine ecco il momento tanto atteso (da Pupo). Lui e la sua pornostar si ritrovano in una stanza d’albergo. Pupo è teso, molto teso. Anzi Pupo è quasi immobile, “sembra un tonno”. A un certo punto il Ghinazzi sembra addirittura sul punto di scoppiare a piangere. Come finisce? Qui, il servizio de Le Iene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cristiano Malgioglio: “Io, doppiatore di un cane forse perché recito come una cagna. Il Grande Fratello? Non c’è un ca*** di combinato”

prev
Articolo Successivo

Amazon lancia le ‘case intelligenti’ (ma c’è il timore che gli assistenti digitali possano spiare le conversazioni)

next