I diritti tv della Serie A sono sempre più in alto mare: MediaPro e Sky continuano a litigare, in attesa del giudizio del Tribunale di Milano che dovrebbe arrivare la settimana prossima, ma a cui seguirà quasi sicuramente un ricorso in appello. La Lega calcio intanto è rimasta senza soldi e il campionato rischia sul serio di partire per la prima volta senza essere trasmesso in televisione.

Oggi davanti al presidente della Sezione impresa, Claudio Marangoni, si è tenuta l’udienza sulla sospensione in via cautelare del bando di MediaPro ottenuto da Sky. Ad inizio aprile la società di Barcellona, che si è aggiudicata i diritti tv della Serie A per la cifra record di 1,05 miliardi di euro a stagione, aveva pubblicato infatti i suoi pacchetti, che prevedono dei prodotti preconfezionati con tanto di telecronache, ma il colosso di Rupert Murdoch, da tempo sul piede di guerra, aveva subito fatto ricorso: secondo Sky, infatti, l’assenza del minimo di base d’asta violerebbe la Legge Melandri, mentre con questo tipo di produzione e la raccolta pubblicitaria autonoma gli spagnoli agirebbero da veri e propri editori, e non come semplice intermediari (ruolo a cui anche l’Antitrust li ha richiamati).

I giudici hanno bloccato tutto in via cautelare in attesa di decidere, l’udienza odierna era molto attesa ma per avere novità bisognerà aspettare ancora qualche giorno: il pronunciamento è atteso ad inizio settimana, c’è il rischio che arrivi dopo l’assemblea di Lega convocata per lunedì, in cui i presidenti dei club e il commissario Giovanni Malagò sperano di avere elementi chiari per decidere che strada prendere. Difficilmente, però, sarà così.

La decisione del Tribunale è decisiva, ma fino a un certo punto: il giudice potrebbe confermare la sospensione, revocarla, o più probabilmente imporre una serie di modifiche al bando. In ogni caso, poi, laparte sconfitta avrà 15 giorni di tempo per presentare reclamo e allungare ulteriormente i tempi. C’è anche un’ipotesi più serena e rassicurante, ovvero che le due parti alla fine si mettano d’accordo: al momento, però, non sembrano esserci le condizioni; MediaPro e Sky continuano a lanciarsi accuse reciproche e hanno litigato persino davanti al giudice, con l’udienza che ha avuto una coda polemica al punto da rendere necessario verbalizzare una parte della discussione.

Il problema, però, è che siamo già arrivati a maggio, all’inizio della prossima stagione mancano poco più di tre mesi e ancora non si ha la più pallida idea di chi trasmetterà il campionato. Una situazione che spaventa i tifosi, ma terrorizza soprattutto i proprietari dei club, visto che sono i soldi dei diritti tv a mandare avanti tutto il carrozzone. E al momento non ci sono: dopo la notizia della sospensione MediaPro, che ha già versato un anticipo da 64 milioni di euro, si è rifiutata di depositare la fideiussione a garanzia dell’intero importo del contratto, lasciando le squadre con l’acqua alla gola.

La Confindustria del pallone non è mai stata così spaccata, tra chi vorrebbe puntare sul cosiddetto “canale della Lega” (il vero obiettivo degli spagnoli, complicatissimo però da realizzare sul piano tecnico e giuridico in appena tre mesi), e chi invece spinge per un terzo bando che accontenterebbe Sky. Se dal tribunale di Milano non arriverà un’indicazione chiara, c’è il rischio che anche l’assemblea di lunedì (convocata per l’occasione a Roma, in casa del Coni) si risolva in un nulla di fatto. E che slittino pure le nomine per completare la governance: il presidente Gaetano Miccichè non può insediarsi fino a quando non verrà nominato tutto il consiglio, ma tra le ambizioni di Claudio Lotito di tornare in Figc e le battaglie fra le varie fazioni il rebus pare irrisolvibile; persino la scelta del consigliere indipendente si sta rivelando fonte di polemiche, visto che il ruolo sembra destinato a profili graditi al Coni (si sono fatti i nomi di Diana Bianchedi, Valeria Panzironi e Maurizio Casasco), tagliando fuori altre candidature (come quella di Dino Feliziani, ex sub commissario che fece pulizia in Lega Pro). È la paralisi del calcio italiano, che giorno dopo giorno diventa sempre più pericolosa.

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Juventus, ecco lo scudetto virtuale: +6 sul Napoli, manca solo la matematica

next