I Simpson sono razzisti? E’ la domanda che in queste ore rimbalza sui social network a proposito dei famosissimo cartone ideato da Matt Groening. Perché domenica sera, negli Stati Uniti, è andata in onda una puntata che avrebbe dovuto essere “ripatrice” riguardo alla “questione Apu”. Il personaggio indiano è stato infatti oggetto di molte critiche perché, secondo alcuni, sarebbe stereotipato in modo razzista ed è diventato protagonista di un documentario, “Il problema con Apu”, del comico Hari Kondabolu.

Ecco che quindi dalla puntata che è andata in onda domenica in molti si aspettavano una svolta che riguardasse proprio Apu. E invece gli autori hanno messo in scena un dialogo tra Marge e Lisa. La mamma legge alla figlia un libro ricco di stereotipi sui sudamericani e gli irlandesi. “Certe cose del passato che un tempo venivano applaudite e considerate inoffensive, ora sono politicamente scorrette. Cosa possiamo fare?”, commenta allora Lisa mentre sul suo comodino appare una foto di Apu, con scritto “Don’t have a cow”, frase che il fratello Bart usa per “rilassati”.  A quel punto Marge risponde: “Di queste cose ce ne occuperemo in seguito” e Lisa replica “se mai ce ne occuperemo”.

In molti hanno trovato che questa puntata “riparatrice” sia stata “una toppa peggiore del buco”: non solo non si sono fatti cambiamenti sul personaggio Apu ma la questione è stata messa in angolo e c’è chi pensa che la frase “don’t have a cow” sia un’ulteriore offesa. Anche il comico Hari Kondabolu ha polemizzato con un tweet. Tanti anche coloro che invece hanno difeso il popolare cartone, “sposando” il punto di vista di Lisa.