Roberto Saviano ha postato un messaggio per far conoscere cosa accade in Siria: donne e bambini colpiti dai gas chimici. Nella foto pubblicata sui social, lo scrittore si copre la bocca seguendo l’esempio l’esempio di Muhammad Najem, un ragazzo siriano di 15 anni che “sta raccontando la guerra e denunciando la morte di migliaia di bambini per soffocamento da gas”: “Fotografarsi coprendosi bocca e naso con la mano è solo un gesto simbolico, ma può essere utile per diffondere la consapevolezza di questo crimine. Invito tutti a fotografarsi così contro l’uso dei gas come arma mortale”, si legge nel post pubblicato su Facebook. E in molti hanno accolto l’invito di Saviano, da Fabio Volo ad Anna Foglietta e tanta gente comune.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

NASA, sperma umano e di toro spedito sulla Stazione Spaziale Internazionale: ecco perché

next
Articolo Successivo

I Simpson “razzisti”? Sui social nuova polemica sul personaggio “Apu”

next