Un proiettile avvolto in due tovaglioli, in una busta indirizzata alla cronista di Repubblica Federica Angeli, è arrivato nei giorni scorsi per posta alla redazione romana del Fatto quotidiano. Chi ha spedito la missiva ha sbagliato indirizzo, o forse ha sbagliato giornale. Ci siamo accorti del proiettile e abbiamo avvisato la polizia che è venuta in redazione a sequestrare la busta, all’interno della quale non c’era nient’altro. Squadra mobile e Digos informeranno la Procura e si occuperanno dell’episodio.

Federica Angeli, cronista di nera e di giudiziaria a Roma, è sotto scorta dal luglio 2013 quando fu testimone di uno scontro a fuoco a Ostia, dove vive. Già in precedenza aveva subito minacce legate al suo lavoro sulla criminalità organizzata del litorale romano e, in particolare, sul clan Spada che almeno in passato controllava parte delle attività balneari sulla spiaggia di Roma. Recentemente Federica Angeli ha testimoniato come persona offesa contro Armando Spada, che l’aveva minacciata. E presto sarà sentita come testimone in un processo contro altri due esponenti del clan di Ostia. Solidarietà alla collega Angeli dal Cdr del Fatto Quotidiano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Capaci, lo striscione contro Berlusconi dove fu ucciso Falcone: “Ha finanziato la mafia. Non può essere al Quirinale”

prev
Articolo Successivo

Ivrea, l’intervento di Nino Di Matteo: “Desolante il silenzio dei partiti su mafia e corruzione in campagna elettorale”

next