Donald Trump torna a minacciare la Cina, paventando la possibilità di imporre dazi aggiuntivi sulle merci cinesi pari a 100 miliardi di dollari. Il rischio è di tornare a infuocare le tensioni fra Washington e Pechino già innescate nei giorni scorsi con l’annuncio di tariffe pari a 50 miliardi di dollari. Membri dell’amministrazione Trump nei giorni scorsi erano invece intervenuti stemperando il clima e, enfatizzando la possibilità di negoziati, avevano ridimensionato la prospettiva di una guerra commerciale.

“Alla luce delle ingiuste rappresaglie della Cina, ho dato mandato ai rappresentanti Usa per il Commercio di valutare se 100 miliardi di ulteriori dazi siano appropriati”, ha affermato il presidente, stando ad una nota diffusa dalla Casa Bianca. Trump ha tuttavia proseguito lasciando a sua volta aperta la porta per negoziati: “Gli Stati Uniti sono comunque pronti a discussioni per continuare a sostenere il nostro impegno nel perseguire un commercio libero, giusto e reciproco e proteggere la tecnologia e la proprietà intellettuale delle aziende americane e degli americani”, si legge ancora nella dichiarazione del presidente Trump. “Le barriere commerciali devono essere abbattute per incoraggiare la crescita economica in America e nel mondo”, che conclude: “Non consentirò mai che pratiche di commercio ingiuste minino gli interessi americani”.

Nei giorni scorsi l’amministrazione Trump ha proposto dazi del 25% sulle importazioni di merci cinesi per un valore di 50 miliardi di dollari. L’Ufficio per il commercio americano ha pubblicato un elenco di 1.300 prodotti cinesi oggetto della misura, inclusi robot industriali e attrezzature per le telecomunicazioni. L’aumento dei dazi è stato proposto per compensare la presunta violazione della proprietà intellettuale americana da parte di Pechino e può entrare in vigore dopo un periodo di valutazione pubblica il cui limite è fissato al prossimo 11 maggio.

L’annuncio era stato seguito da una immediata e dura risposata di Pechino: “Prepareremo misure uguali e di medesima entità per i prodotti americani”. La Cina lotterà “a ogni costo” e prenderà “contromisure ad ampio raggio” se gli Usa continuano ad adottare pratiche unilaterali all’insegna del protezionismo, ha dichiarato un portavoce del ministero del Commercio. “Sull’interscambio sino-americano, la Cina ha definito una posizione molto chiara: non vogliamo una guerra commerciale, ma non ne abbiamo paura“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stanchi di sentir parlare i politici? In Egitto il dibattito elettorali si interrompe a colpi di teleschermi giganti: che botta!

prev
Articolo Successivo

La diga sul Nilo, i pozzi in Siria e Palestina: anche l’acqua può scatenare conflitti

next