“Si è trattato di un’irruzione armata di una polizia straniera in territorio italiano per un controllo antidroga su una persona di colore”. Marta (nome di fantasia) ieri sera era alla stazione di Bardonecchia e ha assistito al blitz della polizia di frontiera francese su un giovane nigeriano. Di fronte allo stupore dei volontari della ONG Rainbow 4 Africa, che da mesi gestisce una saletta per dare assistenza ai migranti, i poliziotti transalpini hanno costretto il giovane a sottoporsi a un controllo delle urine nei bagni. “Hanno detto al mediatore di stare zitto e dopo che il controllo era risultato negativo, hanno buttato gli averi del ragazzo per terra”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Porto Recanati, trovate altre 30 ossa: “Secondo corpo forse è di un bambino”

next