“Si è trattato di un’irruzione armata di una polizia straniera in territorio italiano per un controllo antidroga su una persona di colore”. Marta (nome di fantasia) ieri sera era alla stazione di Bardonecchia e ha assistito al blitz della polizia di frontiera francese su un giovane nigeriano. Di fronte allo stupore dei volontari della ONG Rainbow 4 Africa, che da mesi gestisce una saletta per dare assistenza ai migranti, i poliziotti transalpini hanno costretto il giovane a sottoporsi a un controllo delle urine nei bagni. “Hanno detto al mediatore di stare zitto e dopo che il controllo era risultato negativo, hanno buttato gli averi del ragazzo per terra”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rescaldina, il crollo in diretta. In un filmato di videosorveglianza il momento dell’esplosione

prev
Articolo Successivo

Porto Recanati, trovate altre 30 ossa: “Secondo corpo forse è di un bambino”

next