Se siete tra i fortunati invitati al royal wedding tra il principe Harry e Meghan Markle doveste saperlo a breve. Perché le partecipazioni sono state inviate a due mesi dalle nozze dell’anno, che si terranno il 19 maggio nella Cappella di San Giorgio. “Gli inviti di nozze del principe Harry e della signora Meghan Markle sono stati formulati da sua altezza reale, il principe di Galles”, il padre di Harry ed erede al trono britannico, fa sapere Kensington Palace.

I 600 ospiti sono anche stati invitati al pranzo di ricevimento dato dalla Regina Elisabetta II al Castello di Windsor. Al ricevimento più piccolo, che sarà dato in serata dal principe Carlo nel maniero di Frogmore House, situato a circa un chilometro dal castello di Windsor, sono invece invitate 200 persone. Gli inviti, pubblicati questa settimana, sono stati stampati da Barnard & Westwood, fornitore ufficiale di Elisabetta II dal 1985- come riferisce Kensington Palace – con un testo nero su carta bianca, sormontato dallo stemma dorato del Principe di Galles, una corona che circonda tre piume di struzzo.

Gli inviti non riportano i nomi completi degli sposi. Henry Charles Alber David è Henry del Galles, Rachel Meghan Markle solo Meghan Markle. I futuri sposini, del resto, non tengono più di tanto ai formalismi, come hanno dimostrato già più volte in diverse occasioni pubbliche. Inoltre, 2.640 persone sono state invitate a Windsor Castle Park per assistere all’arrivo del principe Harry, della sua fidanzata e dei loro ospiti, e della processione della carrozza dal castello. Tra questi ospiti ci saranno 1.200 “membri del pubblico” di varie età e background provenienti da tutto il Regno Unito, 200 membri di organizzazioni di beneficenza, 610 della comunità locale di Windsor, 100 scuole e 530 membri della famiglia reale. La cerimonia nuziale in programma il 19 maggio prossimo inizierà alle 12 nella Cappella di San Giorgio al Castello di Windsor. Una volta sposati, alle 13, Harry, 33 anni, e Meghan, 36 anni, faranno un giro in città a bordo di una carrozza. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Victoria Beckham va in Kenya in una baraccopoli e posta le foto su Instagram, molte critiche: “Stai facendo un servizio fotografico o aiuti chi ha bisogno?”

prev
Articolo Successivo

Svelato il mistero del mini scheletro di Atacama: è un feto umano (non un alieno)

next