“No, non si fanno nomi”. Così Matteo Salvini al termine della riunione dei senatori della Lega, partito che, dichiara il leader, “è pronto a rinunciare a qualcosa”. E poco dopo Salvini lo dice ancora più chiaramente: “Se serve a chiudere l’accordo e a far partire il più velocemente possibile il Parlamento la Lega è disposta a rinunciare alla Presidenza del Senato”. E il veto del M5s sul nome di Paolo Romani? “Penso che ci devono essere nomi e cognomi condivisi da tutti i partiti e credo che ogni partito possa avere da proporre nomi condivisi”. Salvini nega che questa sera incontrerà Di Maio: “Telefonerò a tutti: a Grasso, Martina e Di Maio”. E poi Salvini chiude all’ipotesi, rilanciata da Brunetta che l’accordo M5s-Lega per la presidenza delle Camere sia riproducibile per la formazione del governo: “Si parte dal centrodestra unito” taglia corto il leader della Lega.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Emiliano (Pd) nomina Di Cagno Abbrescia (Fi) presidente dell’Acquedotto pugliese: da destra a sinistra, tutti contro l’ex pm

next
Articolo Successivo

Camere, Giulia Grillo (capogruppo M5s): “No a Romani, non voteremo persone indagate o sotto processo”

next