“Mai con il Movimento Cinque Stelle, il coltello è ancora piantato nella mia schiena”. Così la senatrice Pd, Monica Cirinnà, risponde in merito a un possibile accordo con i Cinque Stelle, facendo riferimento al voto sulle unioni civili. Ma a chi le chiede come si porterà avanti quindi il dialogo con quella parte del partito democratico che però apre al partito di Luigi Di Maio, la senatrice lasciando il Senato dopo la registrazione, risponde: “Per ora siamo fermi sulla nostra posizioni, ma avremo la possibilità di vedere cosa accadrà durante le consultazioni e ascolteremo il Presidente della Repubblica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Davide Casaleggio sul Washington Post: “M5s vento inarrestabile, vecchi partiti moribondi. Ogni voto ci è costato 7 cent”

prev
Articolo Successivo

M5s, Davide Casaleggio: “Voto su alleanze di governo? Chiedete a Di Maio”. E su Cambridge Analytica: “Caso che sto studiando”

next