Frida Kahlo, trasformata in Barbie per la festa della donna, proprio no. L’attrice Salma Hayek non ci sta. E a stretto giro di social ha fatto sapere che quel giocattolino della Mattel non va per niente bene. La 51enne attrice di origine messicana, che proprio nel 2002 diresse ed interpretò il biopic sulla celebre pittrice sua conterranea, ottenendo anche una candidatura agli Oscar come miglior attrice protagonista, ha scritto su Instagram: “Frida Kahlo non ha mai cercato di essere o assomigliare a nessun altro. Ha sempre celebrato la sua unicità. Come hanno potuto trasformarla in una Barbie?”.

Colpevole di lesa maestà sarebbe la Mattel che lo scorso otto marzo ha lanciato sul mercato internazionale una special edition di bamboline Barbie dedicate a 17 donne che hanno fatto la storia del mondo. Tra queste la calciatrice Sara Gama, l’aviatrice Amelia Earhart, la chef Hélène Darroze, la matematica Katherine Johnson, la ballerina Yuan Yuan Tan, la regista Ava DuVernay. Non è poi passato inosservato il pezzo da novanta. La Kahlo, che è una sorta di icona simbolo del femminismo, un po’ come il tre quarti del Che Guevara di Korda, è così apparsa tutta bella imbalsamata dentro al corpicino sottile della Barbie, gonnona azzurra, maglia nera e golfino rosso.

La Hayek se n’è accorta qualche giorno dopo ma la sentenza è stata inequivocabile. Risuona tra l’altro ancora nelle orecchie di molti, il suo recente editoriale pubblicato sul New York Times dove ha descritto il calvario da lei passato per portare a termine le riprese del film Frida, sotto le minacce e le molestie incombenti del produttore/distributore del film, Harvey Weinstein. Le critiche della Hayek alla scelta della Mattel hanno comunque innescato un meccanismo a catena virale, con molti commenti a suo favore e soprattutto la decisione di Mara de Anda Romeo, bisnipote della pittrice, di dare mandato ai proprio legali per denunciare la Mattel non in possesso dei diritti di sfruttamento dell’immagine della propria bisnonna.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pd, in attesa del regolamento di conti interno dopo il flop elettorale a Milano Sala-Fiano se le danno su Facebook

prev
Articolo Successivo

Raoul Bova a teatro interrotto da continui squilli di cellulare: l’attore si arrabbia e non rientra sul palco

next