A teatro con il cellulare acceso. Che, per giunta, squilla o riceve messaggi. Tanto da far arrabbiare, e molto, attore e produttore.

E’ successo a Catania, al Metropolitan, dove Raoul Bova era di scena con Chiara Francini per lo spettacolo Due. “Al prossimo telefonino che sentiamo squillare in sala, interrompiamo lo spettacolo”: queste le parole del produttore che, secondo la Nuova Sicilia, è salito sul palco approfittando dell’uscita momentanea di scena dei due protagonisti.

Un monito che però non è servito tanto che, poco dopo, visto che gli squilli e il rumore di notifiche non era cessato, Raoul Bova è uscito di scena. Il rumoreggiare della sala deve averlo infastidito molto, anche perché ha causato qualche interruzione nella recitazione. Per questo Raoul, dopo il secondo appello della produzione andato a vuoto, non è uscito nemmeno a prendersi gli applausi finali. Quelli di chi era rimasto: in molti, infatti, non volendo spegnere il telefono, hanno preferito andarsene.