“Siamo orgogliosi di presentarvi la nuova Barbie ispirata a Sara Gama, capitano della squadra femminile della Juventus e della nazionale femminile italiana. Una grinta in grado di ispirare ogni bambina a perseguire sempre i propri sogni!”. Presenta così la Mattel la sua nuova Barbie calciatrice ispirata a Sara Gama, capitano della Juventus Women e della nazionale italiana. L’occasione è l’8 marzo, la Giornata internazionale delle donne, il messaggio è chiaro: le bambine devono potersi ispirare a modelli femminili nuovi e crescere sentendosi libere di assecondare le proprie inclinazioni e i propri gusti anche se sono lontani da quelli che “ci si aspetta” dalle ragazze. Come il sogno di diventare calciatrice.

Mamma triestina e papà congolese, Sara Gama è una delle calciatrici in attività più conosciute del panorama sportivo italiano. Laurea in Lingue e Letterature Straniere, è coinvolta in prima persona nella promozione del sport in rosa ricoprendo il ruolo di presidente della commissione sviluppo calcio femminile e di membro del Consiglio Federale della Figc. “Sono felice di essere un esempio per le nuove generazioni nell’abbattere le barriere della società di cui lo sport a volte è specchio – ha detto Gama commentando l’iniziativa – Barbie accompagna da tempo l’infanzia delle bambine e mi piace che le ispiri a sperimentare i propri sogni attraverso il gioco”.

Su FqMillennium (in edicola per un mese dal 3 marzo) abbiamo raccontato proprio il mondo del calcio femminile seguendo una squadra di serie A, il Ravenna woman: tra le bambine più piccole fino alle calciatrici più esperte, come la campionessa Raffaella Manieri, il sentimento che è emerso in maniera prepotente è stato la voglia di coltivare la propria passione senza sentirsi inferiori a nessuno.

L’iniziativa della Mattel va proprio in questa direzione: “Puoi diventare tutto ciò che desideri” recita il pay off della campagna. Le Barbie immesse sul mercato sono 17, tutte con le sembianze di donne reali del passato e del presente: oltre alla Gama, ci sono tra le altre la campionessa di box Nicola Adam, la regista Patty Jenkins, la chef stellata Helene Darroze. Fanno parte della serie “Inspiring women” icone come Frida Kahlo, pittrice e donna di grande forza morale, Amelia Earhart, prima donna ad attraversare l’Atlantico alla guida di un aereo e Katherine Johnson, matematica e pioniera delle teorie sulla navigazione spaziale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spotify, guerra ai furbetti: il sito di musica in streaming contro gli ascolti pirata

next
Articolo Successivo

8 marzo, i dieci motivi per cui è bello essere donna

next