Il popolo è sovrano.
Il Pd ha perso è deve stare all’opposizione.
Non c’è altra argomentazione che tenga.

Le elezioni del 4 marzo hanno dato un chiaro risultato: il primo partito è il Movimento 5Stelle; la prima coalizione invece è il centrodestra. In una democrazia parlamentare governa chi ha la maggioranza dei deputati e dei senatori. Spetterà al Presidente della Repubblica indicare il Premier e vedere chi avrà la maggioranza. In tutto questo il Pd deve stare doverosamente fuori.

Giuste e opportune le parole di Matteo Renzi: giuste le dimissioni, i tempi e i modi indicati. Fare ancora polemiche sul segretario credo sia veramente assurdo: ha perso e deve essere rispettato. Ora l’attenzione passi a chi ha vinto le elezioni. Siano il Movimento e il centrodestra a provare a governare. La campagna elettorale è finita, passino ora alla responsabilità di trovare soluzioni concrete e reali per il Paese.

Di certo non si può chiedere al Pd o ai singoli parlamentari del Pd una stampella: diverse le idee, diversi i modi, troppi gli insulti e troppe le bugie. Chi pensa ad altre soluzioni ha evidentemente interesse alla solita poltrona.

Di certo il centrodestra partirà avvantaggiato dal numero dei deputati e senatori. E per fare la maggioranza potrà contare sugli impresentabili eletti grazie al Movimento 5stelle. Impensabile che quei parlamentari, appena eletti, vadano a casa: qualche “responsabile” ci sarà e farà da stampella ad un governo leghista. Più difficile che il premier sia Luigi Di Maio, troppo deboli i numeri reali in Parlamento.

Insomma, è l’ora della verità. I giochini pre-elettorali adesso cadranno inevitabilmente, le poltrone conquistate saranno difficili da lasciare e da mollare per seguire la coerenza tanto declamata. Vedremo quanto sarà cambiato il Movimento 5stelle dalle sue prime manifestazioni e credenze. Vedremo se per governare ad ogni costo ci sarà alleanza con il centro destra e chi farà il Premier. Vedremo se e quanti dei ministri, indicati preventivamente dai grillini, diventeranno realmente membri del governo. Vedremo se Salvini farà il Premier e con chi. Vedremo se Silvio Berlusconi, politicamente sconfitto, si accoderà a Salvini o cederà alla “responsabilità” di governo con i 5Stelle.

In tutto questo il Pd dovrà essere attento spettatore e pensare a rigenerarsi al proprio interno. Lo farà democraticamente ma lo dovrà fare una volta per tutte a partire dai singoli territori: un bagno di umiltà e di vero cambiamento, una cosa prima o poi sarà riconosciuta ovvero la bontà del lavoro difficile fatto in questi anni. Ora finalmente vedremo la verità e per farlo è giusto che il Pd stia all’opposizione. Si è sbagliato ad assumersi la responsabilità di governo cinque anni fa e si è sbagliato a farlo appoggiando il governo Monti.

Ora basta.

La responsabilità di governo a chi in questi cinque anni e più ha urlato, offeso e denigrato un intero partito. La democrazia ha deciso e ad ognuno il suo ruolo.

Auguri Italia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, Salvini: “Un governo senza il centrodestra? Sarebbe molto strano. A noi parte del voto di sinistra”

next
Articolo Successivo

Maroni tifa Salvini: “Ma Lega deve rispondere al Nord che l’ha votata”. Dopo l’incontro col leader: “Mio tempo finito”

next