Per la terza volta in un anno e mezzo è costretto ad annunciare le dimissioni. Ma, come nelle altre occasioni, prima di andarsene avvelena i pozzi. Fissa condizioni. Pretende di dare le carte. Si vendica. E questa volta se la prende anche con Sergio Mattarella. Matteo Renzi lascia la guida del Pd, ma – dice – solo dopo l’insediamento del Parlamento e dopo la formazione del governo. Quindi, qualsiasi esecutivo nascerà, i democratici non ci saranno: no al M5s, no alla Lega. E non lascia subito nemmeno la segreteria del partito: niente traghettatori, niente “caminetti“, ripete più volte, ma direttamente il congresso. Quindi posticiperà le dimissioni, come già era avvenuto l’anno scorso dopo la sconfitta al referendum costituzionale. In questo modo sarà lui a guidare la delegazione del Pd dal Presidente della Repubblica per le consultazioni. Mai citato nel discorso post voto, “il galantuomo che abbiamo eletto al Quirinale” – come l’ha definito più volte – Renzi lo evoca quando spiega quali sono, dal suo punto di vista, i motivi della disfatta. “Il principale – dice – è stato non capire che è stato un errore non votare in una delle due finestre del 2017 in cui si sarebbe potuta imporre una campagna sull’agenda europea. L’altro errore è stato essere stati in campagna elettorale fin troppo tecnici, non abbiamo mostrato l’anima delle cose fatte e da fare”. 

La rivolta interna e la difesa di Mattarella- Riferimenti, quelli al mancato voto nel 2017 e ai “caminetti“, che – uniti alle dimissioni post datate – provocano subito le reazioni dentro al partito, come era prevedibile. E il primo a replicare non è un esponente della minoranza. Nossignore: è Luigi Zanda, franceschiniano e considerato uno degli uomini più vicini al capo dello Stato. “La decisione di Renzi di dimettersi e contemporaneamente rinviare la data delle dimissioni non è comprensibile. Serve solo a prendere ancora tempo” dice il quasi ex capogruppo  al Senato. “Le dimissioni di un leader sono una cosa seria: o si danno o non si danno – spiega in modo più chiaro – E quando si decide, si danno senza manovre”. Il tono di Zanda è quello della dichiarazione di guerra: “In un momento in cui al Pd servirebbe il massimo di quella collegialità che è l’esatto opposto dei cosiddetti caminetti, annunciare le dimissioni e insieme rinviarne l’operatività è impossibile da spiegare. Quando Veltroni e Bersani si sono dimessi lo hanno fatto e basta. Un minuto dopo non erano più segretari“. A tradurre dove sia nelle parole di Renzi l’attacco a Mattarella è invece Carlo Calenda che in un tweet scrive: “Condivido in pieno linea su no Governo con 5S, non commento percorso congressuale e timing dimissioni perché non iscritto al Pd, trovo fuori dal mondo l’idea che la responsabilità della sconfitta sia di Gentiloni, Mattarella (x voto 2017) e di una campagna troppo tecnica”.

La minoranza: “Dimissioni post datate”. Guerini: “No verissime” – Poi in ordine sparso arrivano gli esponenti della minoranza dem. “Di fronte alla sconfitta più grave della storia della sinistra italiana del dopoguerra siamo alla consueta elencazione di alibi e all’individuazione di responsabilità esterne“, dice Andrea Orlando, coniando un neologismo per il passo indietro del segretario: le “dimissioni non dimissioni“. “Renzi – dice il guardasigilli – le annuncia ma le postdata e si riserva di renderle effettive soltanto dopo la conclusione della trattativa per la definizione degli assetti istituzionali e del nuovo governo”. “Punta alla sua autoconservazione, sta pensando a come rientrare in partita, non a come far rientrare il Paese in partita. Per questo finge di dimettersi”, attacca Michele Emiliano.  “Abbiamo subito una sconfitta pesante. Renzi ha annunciato l’intenzione di dimettersi, ma solo a conclusione del percorso di insediamento del Parlamento e della formazione del nuovo governo. Non è così che si fa”, dice Gianni Cuperlo.  “Penso che annunciare le dimissioni, e non darle, dopo avere subito una sconfitta di queste dimensioni sia vistosamente in contrasto con il senso di responsabilità di lealtà e di chiarezza dovuti al partito ai suoi militanti ai suoi elettori”, commenta invece Anna Finocchiaro. A difendere il segretario arrivano Lorenzo Guerini e Matteo Orfini. “Alla luce delle dimissioni del segretario Matteo Renzi, ho convocato la direzione per lunedì alle ore 15. E dopo la direzione fisserò la data di convocazione dell’Assemblea nazionale che, come previsto da statuto, dovrà recepire le dimissioni e avviare gli adempimenti conseguenti. Questo prevede il nostro statuto, che come sempre rispetteremo”, dice il presidente del Pd. “Nessuna dilazione, le dimissioni di Renzi sono verissime. Lo ha detto chiaramente in conferenza stampa, alla luce dei risultati elettorali di ieri. Il tema centrale è un punto politico: il Pd è all’opposizione, in coerenza con quanto detto in campagna elettorale da tutto il Pd. E nessuna gestione solitaria dei prossimi passaggi: lunedì prossimo faremo Direzione nazionale e quello sarà il luogo e il momento per aprire una riflessione seria e responsabile sui risultati”, sostiene il coordinatore della segreteria.  

“No a governo con M5s e Lega” – Quanto bisognerà aspettare perché le “dimissioni verissime” di Renzi diventino effettive, però, non è per il momento preventivabile. “È ovvio che io debba lasciare la guida del Partito Democratico“, aveva annunciato l’ex premier prendendo atto di “una sconfitta netta, una sconfitta che ci impone di aprire una pagina nuova all’interno del Pd”. Prima però l’ex premier detta le sue immancabili clausole: il via a un nuovo congresso avverrà dopo l’insediamento del nuovo governo. E in quel governo – se dovesse essere un governo del M5s, non ci sarà il Pd. “Resteremo all’opposizione, così come hanno voluto gli elettori”.  Una linea che trova giustificazione nella campagna elettorale: “Abbiamo detto no a un governo con gli estremisti e noi non abbiamo cambiato idea, non stavamo scherzando”. Tre elementi, dice, “ci separano da Salvini e Di Maio, il loro antieuropeismo, l’antipolitica e l’utilizzo dell’odio verbale. Se siamo mafiosi, corrotti, impresentabili, con le mani sporche di sangue, sapete che c’è? Fate il governo senza di noi, il nostro posto è all’opposizione“. 


di Manolo Lanaro

“Ingovernabilità? Colpa del referendum” – Ma visto che sulla carta nessuno ha i numeri per governare, anche a questo giro l’ex premier trova il modo di citare l’indimenticabile – e per lui mai dimenticato – referendum costituzionale. “Oggi la situazione politica è che chi ha vinto politicamente le elezioni non ha i numeri per governare, e chi è intellettualmente onesto dovrebbe riconoscere che questo problema nasce dalla vicenda referendaria. Paradossalmente si è molto discusso di personalizzazione ma non di come oggi quelli che contestavano la riforma costituzionale sono vittime per prime esse stesse dei loro marchingegni e della loro scelta di contestare”, dice il segretario che evidentemente non ha mai superato il 4 dicembre del 2016. Quando comunque – nonostante la debacle – il fronte del Sì si era attestato a poco meno del 40%: praticamente il doppio rispetto al devastante 18% di oggi.  Per tutti, del resto, la sconfitta di oggi è figlia di quella di due anni fa. All’epoca Renzi si dimise da premier, oggi la naturale conseguenza è che si dimetta da segretario. Resta da capire quando visto che l’assemblea del Pd, sarà convocata “al termine della fase di insediamento del nuovo Parlamento e della formazione del governo”. Renzi rifiuta l’ipotesi di “un reggente scelto da un caminetto, sì a un segretario scelto dalle primarie”. Quindi non ci sarà un traghettatore, come era avvenuto con Franceschini dopo le dimissioni di Veltroni e con Epifani quando lasciò Bersani. O almeno questa è l’idea dell’attuale segretario. Fin quando ci rimarrà non è dato sapere.