Il cadavere ripescato nella tarda mattinata di oggi dalle acque del lago di Garda è quello dello studente Marco Boni, il 16enne scomparso il 16 febbraio scorso da Riva del Garda. La conferma arriva dalla questura di Trento che ha coordinato le ricerche in queste due settimane. Il corpo senza vita del ragazzo è stato individuato dai sommozzatori della polizia a più di 20 metri di profondità fra le rocce del fondale del lago, sotto la strada della vecchia Gardesana.

Il ragazzo, uscito dal liceo classico Maffei di Riva, aveva un appuntamento con la madre al quale però non si era presentato. Le ricerche, avviate dai vigili del fuoco e dal soccorso alpino, si sono concentrate per giorni nelle zone di montagna sopra Riva dove il ragazzo era solito recarsi per fare delle passeggiate, attratto dai luoghi storici della prima guerra mondiale. Il telefono cellulare del ragazzo risultava spento dal giorno della sparizione. La polizia aveva anche lanciato un appello per avere informazioni sulla sorte del ragazzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di Latina, Luigi Capasso ha lasciato un assegno da 5mila euro per l’amante

prev
Articolo Successivo

Napoli, 15enne scomparsa: “Ritrovata”. L’annuncio di Chi l’ha visto su Facebook

next