Da venerdì non si hanno notizie di Marco Boni, 16 anni, scomparso da venerdì da Riva del Garda, dopo l’uscita dal liceo classico della cittadina trentina. Le ricerche dello studente allo stato sono risultate vane e oggi è stato diffuso un appello da parte della polizia. “Chiunque avesse visto il ragazzo è pregato di rivolgersi alla polizia o comunque alle forze dell’ordine. Lo chiediamo anche a Marco stesso, se ha avuto problemi, ci può contattare” dice il capo della squadra mobile della polizia di Trento, Salvatore Ascione. La polizia si sta infatti occupando della parte investigativa che riguarda le ricerche dell’adolescente.

Il ragazzo, uscito dal liceo classico Maffei di Riva, aveva un appuntamento con la madre al quale però non si è presentato. Le ricerche, avviate dai vigili del fuoco e dal soccorso alpino, si sono concentrate nelle zone di montagna sopra Riva dove il ragazzo era solito recarsi per fare delle passeggiate, attratto dai luoghi storici della prima guerra mondiale.  Il telefono cellulare del ragazzo risulta spento da venerdì pomeriggio. Elementi utili agli inquirenti potrebbero arrivare dall’analisi dei tabulati telefonici che sono stati richiesti al gestore dalla Procura dei minori di Trento. Nessuna traccia del ragazzo ci sono per ora dalla verifica delle videoregistrazioni delle telecamere installate nella zona di Riva dove Marco sarebbe stato avvistato per l’ultima volta. Intanto una gara di solidarietà è stata avviata dai compagni di scuola di Marco che hanno stampato e distribuito volantini alla popolazione. A Tione la comunità si è stretta attorno al padre, farmacista, e alla madre, dirigente del settore farmaceutico dell’ospedale di Rovereto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, aggredì vicepreside: arrestato nuovamente per evasione. Era a un battesimo

prev
Articolo Successivo

Erostrato, padre e figlio indagati per le minacce del mitomane nel Bellunese: a casa trovati libri esoterici e il Mein Kampf

next