La forma dell’Oscar. Vorremmo prendesse flagranza nelle sapienti mani di Paul Thomas Anderson o di Christopher Nolan, tornato al suo sguardo migliore con Dunkirk. Ma non sarà così. Si liquefarà in quelle, pur capaci ma non straordinarie di Guillermo del Toro, il presunto “plagiatore”, che continua ad essere il favorito alla corsa per la miglior regia de La forma dell’acqua, dove troneggia candidato fra le 13 nomination del suo film. E’ possibile ed anzi probabile possa farcela: l’accusatore di plagio David Zindel da vittima è percepito come colpevole dai sostenitori di Guillermone, “perché la denuncia solo ora?”. Il Leone d’oro veneziano nonché vincitore di tutti i premi “che pesano” (Golden Globe, BAFTA, Director Guild of America Awards) ha ipnotizzato anche gli occhi dei membri dell’Academy con la sua fiaba romantica sulla diversità in piena Guerra Fredda. 54 anni da Guadalajara, 2 candidature all’Oscar per Il labirinto del Fauno nel 2007 e ora 3 (regia, film e sceneggiatura originale – appunto) per The Shape of Water, si è già imparato a memoria i suoi discorsi di ringraziamento, in particolare quello che gli sta più a cuore ovvero della miglior regia di cui qui si dà conto.

 

 

Oscar 2018, miglior regia: vincerà del Toro ma noi tifiamo per Nolan e PT Anderson

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2018, la corsa per il miglior film: poche speranze per Guadagnino, se la giocano McDonagh e del Toro

next
Articolo Successivo

Oscar 2018, la guida alla serata: dove guardarla e le previsioni dei bookmakers

next