Non succede solo a Roma, dove almeno 1.000 dipendenti di Atac e Ama mancheranno dal lavoro per fare i rappresentanti di lista o i presidenti di seggio. Anche a Venezia e terraferma sono previsti disservizi nei trasporti pubblici a causa dei troppi dipendenti impegnati ai seggi come scrutatori o rappresentanti di lista. Sono oltre 300 i lavoratori dell’azienda di trasporto Actv che hanno chiesto il permesso per seguire le elezioni.

Queste assenze contemporanee hanno costretto l’azienda a ridurre i collegamenti, comunicando che “sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 marzo, a seguito dell’assenza dal servizio di numerosi dipendenti i servizi di trasporto pubblico locale automobilistico, tranviario e di navigazione Avm/Actv potrebbero subire ritardi, modifiche o cancellazioni“. In particolare nelle tre giornale la linea 2 tra Piazzale Roma e Rialto sarà sospesa e fatta con orario festivo per quanto riguarda i vaporetti, mentre il servizio automobilistico potrebbe essere interessato da occasionali salti corsa, sull’urbano di Mestre e Lido, extraurbano nord e sud, urbano di Chioggia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, tutti i rischi per Renzi nell’ultima roccaforte. La Toscana rossa non c’è più e la costa si rivolta contro il segretario

next
Articolo Successivo

Elezioni, Berlusconi a Napoli rompe il silenzio elettorale parlando di flat tax e risparmi fiscali

next