Non succede solo a Roma, dove almeno 1.000 dipendenti di Atac e Ama mancheranno dal lavoro per fare i rappresentanti di lista o i presidenti di seggio. Anche a Venezia e terraferma sono previsti disservizi nei trasporti pubblici a causa dei troppi dipendenti impegnati ai seggi come scrutatori o rappresentanti di lista. Sono oltre 300 i lavoratori dell’azienda di trasporto Actv che hanno chiesto il permesso per seguire le elezioni.

Queste assenze contemporanee hanno costretto l’azienda a ridurre i collegamenti, comunicando che “sabato 3, domenica 4 e lunedì 5 marzo, a seguito dell’assenza dal servizio di numerosi dipendenti i servizi di trasporto pubblico locale automobilistico, tranviario e di navigazione Avm/Actv potrebbero subire ritardi, modifiche o cancellazioni“. In particolare nelle tre giornale la linea 2 tra Piazzale Roma e Rialto sarà sospesa e fatta con orario festivo per quanto riguarda i vaporetti, mentre il servizio automobilistico potrebbe essere interessato da occasionali salti corsa, sull’urbano di Mestre e Lido, extraurbano nord e sud, urbano di Chioggia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni, tutti i rischi per Renzi nell’ultima roccaforte. La Toscana rossa non c’è più e la costa si rivolta contro il segretario

prev
Articolo Successivo

Elezioni, Berlusconi a Napoli rompe il silenzio elettorale parlando di flat tax e risparmi fiscali

next