Fra i candidati musicali agli Oscar c’è una rockstar planetaria: Jonny Greenwood, che finalmente ce l’ha fatta. Ignobilmente tralasciato per le sue acrobazie sonore che accompagnavano Il petroliere (2007) ecco che l’Academy sembra risarcirlo nominandolo per Phantom Thread – Il filo nascosto dell’ormai amico e sodale Paul Thomas Anderson. Il connubio fra i due conta già quattro soundtrack (anche The Master e Vizio di forma) e pare proprio che la mente (geniale) dei Radiohead sia diventato lo sguardo sonoro di PTA. Il polistrumentista da Oxford, 47 anni e un ciuffo eternamente selvaggio sugli occhi daltonici, continua il suo percorso di sperimentazione allo stato puro, ma attenzione a non cadere in inganno: sperimentazione può anche significare rielaborazione personale di una classicità riconoscibile, così come accade nel cinema dei generi rivisitati.

Se il romanticismo è infatti al primo posto nel main theme de Il filo nascosto, ecco che sottotraccia emerge l’inquietudine, l’ambiguità tipica dei percorsi narrativi e drammatici di Anderson, di cui Phantom Thread è un straordinario portatore. E nel mezzo, meraviglia delle meraviglie, il jazz. Fra il sottofondo e il primo piano, la musica jazz è onnipresente, non sempre accondiscendente ai desideri dello spettatore ma proprio per questo cifra semantica forte. La critica l’ha già esaltato, l’orecchio esperto pure, ma scommettitori e predictions lo danno al secondo posto se non al terzo posto dopo il favorito: il cine-prolifico Alexandre Desplat.

Oscar 2018, i candidati per le migliori colonne sonore: in pole position Jonny Greenwood dei Radiohead

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sandra Milo a Che fuori tempo che fa ricorda il suo grande amore: “Il primo bacio con Fellini? Sono svenuta”

next
Articolo Successivo

Oscar 2018, mai battaglia così aperta per il miglior film straniero: tutti hanno vinto almeno un premio

next