Cospargevano le sue caviglie di benzina e le davano fuoco. E poi schiaffi, pugni, violenze. Sempre tra le mura di casa, sempre da parte dei suoi famigliari. Solo perché omosessuale. È quanto ha segnalato un ragazzo di 14 anni della provincia di Napoli alla Gay Help Line.

Così è partito l’iter che ha portato alla denuncia tramite un esposto fatto da Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, che, con il supporto legale di Arcigay a Napoli, ha formalizzato alle forze dell’ordine quanto raccontato dal ragazzo con il supporto congiunto del Miur e dell’Osservatorio contro le discriminazioni della polizia di Stato.

La situazione è stata monitorata quotidianamente tramite i poliziotti fino a quando la procura di Napoli, ascoltato il ragazzo, ha deciso di trasferirlo in una struttura protetta.

“Ringraziamo il Miur e l’Oscad per il supporto fornito, che ci ha consentito di mettere in sicurezza il ragazzo – si legge in una nota di Gay Center – Restiamo in attesa di conoscere i risvolti delle indagini, compresi i provvedimenti verso tutte le persone che sono state testimoni o erano informate delle violenze e non hanno denunciato”.

“Servono dalle istituzioni strumenti a tutela dei minori che subiscono violenze anche attraverso una rete di servizi integrati per supportare i giovani e giovanissimi lesbiche, gay e trans – aggiunge Fabrizio Marrazzo – che oltre ad essere spesso vittime di bullismo, vivono un vero e proprio inferno a casa che come abbiamo purtroppo spesso riferito ha portato anche al suicidio di molti giovanissimi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano Fashion Week Inclusive 2018, in passerella sfilano top model disabili professionisti: “Evento unico”

prev
Articolo Successivo

Molestie, l’intervista di Asia Argento ad Ambra Battilana: “Ho registrato Weinstein, solo così (2 anni e mezzo dopo) siamo state credute” – L’audio dell’incontro con il produttore

next