È difficile giustificare i motivi che hanno provocato pesanti disagi e ritardi in tutta Italia, specialmente nella stazione di Roma Termini, dopo una nevicata di pochi centimetri, largamente prevista da tutti i meteo d’Italia. Disagi che hanno avuto ripercussioni su tutta la rete ferroviaria. Eppure le ferrovie sono un sistema che anche in presenza di abbondanti nevicate e basse temperature, può e dovrebbe funzionare. Gli stessi disagi e la stessa situazione l’avevamo già vista 30 anni fa quando, dopo una nevicata molto più forte, si scoprì che servivano gli scalda-scambi, cioè una specie di stufetta che impedisce allo scambio di ghiacciarsi.

Evidentemente si continua a preferire di pagare 400-500 spalatori e molte ore straordinarie al personale viaggiante, che acquistare gli scalda-scambi. Alla figuraccia di Trenitalia e ai disagi provocati agli utenti (sia dei Frecciarossa, ma anche dei treni pendolari) si aggiungono i costi sia di immagine che di rimborsi al momento talmente alti da risultare incalcolabili. Una spesa che dovrebbe essere ripartita tra i manager se avessero ancora qualche responsabilità organizzativa nell’azienda. Strano che un’azienda monopolista e quindi autoreferenziale continui a sostenere che le ferrovie, cioè se stessa, hanno imboccato la strada giusta da Mauro Moretti in poi, e che tutti i ministri dei Trasporti pro tempore accreditino questo pensiero.

I disagi di questi giorni dimostrano che gli standard manutentivi, in questo caso della rete, come anche dimostrato a Pioltello, sono ancora un enorme tallone d’Achille: mentre tutti i paesi europei hanno fatto la loro “rivoluzione ferroviaria” o con l’introduzione di meccanismi competitivi per l’assegnazione dei contratti di servizio o con una performante regolazione pubblica, il nostro paese resta fermo a 30 anni fa. Non solo, a parte l’alta velocità, costata il triplo di quelle europee e comunque marginale (150mila passeggeri al giorno contro i 4 milioni della rete tradizionale), ci troviamo con un sistema ferroviario nazionale inadeguato. Inadeguato per i gravi disservizi quotidiani, i bassi standard di sicurezza e gli alti costi gestionali, e messo in ginocchio in questi giorni dalla neve e dalle basse temperature, aggravato dal fatto che la quota di trasporto ferroviario, sia per i passeggeri che per le merci, è la più bassa dei paesi del vecchio continente. La spesa pubblica in questo settore è la stessa di altri paesi europei ma la qualità dei servizi e dei treni resta nettamente inferiore.

Nota di trasparenza: sono candidato alle elezioni regionali nelle liste di Liberi e Uguali