Di solito sono le madri, le sorelle, le compagne o le migliori amiche delle protagoniste. E infatti nessuna smentita per le candidate a “supporting actress” del 2018: due madri “difficili” (Allison Janney e Laurie Metcalf), una sorella “complice” (Lesley Manville), una migliore amica (Octavia Spencer) e – a smentire la prevedibilità – una vicina di casa dal carattere assai deciso (Mary J. Blige).

Partire dalla regina dell’R&B sembra un dovere, essendo J. Blige al suo debutto agli Oscar e – come si addice a una prima donna – subito in doppietta. Due sono infatti le candidature conquistate dalla 47enne del Brox per il film Mudbound: come miglior non protagonista nell’intenso ruolo di Florence Jackson, la vicina di casa della famiglia “bianca” McAllan, e come miglior canzone dal titolo ‘Mighty River’ per il medesimo lungometraggio diretto dalla regista – come lei – African-american Dee Ross. Né la sovrana dell’hip hop né la sua canzone (incredibilmente, essendo molto bella) sono favorite in ciascuna delle due categorie ma resta, quella di Mary J. Blige, una magnifica presenza che peraltro permetterà di gustare alla Notte degli Oscar una sua vibrante performance musicale.

Oscar 2018, la sfida tra le attrici non protagoniste: c’è anche la regina dell’R&B Mary J. Blige

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Oscar 2018, miglior film animato: ecco perché il favorito non è più Coco

next
Articolo Successivo

‘La forma dell’acqua’ e ‘Il filo nascosto’, due film che aiutano a capire se stessi e l’amore

next