Centoundici studentesse sono scomparse nel nordest della Nigeria, due giorni dopo l’attacco a una scuola femminile da parte di Boko Haram, in un episodio che ricorda il rapimento delle ragazze di Chibok nel 2014. I combattenti pesantemente armati hanno attaccato lunedì il villaggio di Dapchi, nello Stato di Yobe, sparando in aria e facendo esplodere granate, secondo il racconto di testimoni. Secondo il personale scolastico, al momento dell’attacco nell’istituto c’erano 710 studentesse dagli 11 anni in su.

Durante l’attacco avvenuto il 19 febbraio, riporta la Bbc, la maggior parte delle allieve e dei professori della Girls Science Secondary School sono riusciti a scappare nella boscaglia, temendo di essere rapiti dai combattenti. Due giorni dopo, decine di allieve non sono ritornate, sollevando i timori delle loro famiglie, che le hanno anche cercate invano nei villaggi vicini e si sono ritrovati stamani fuori dalla scuola.

Le autorità nigeriane non parlano ufficialmente di “rapimento” delle studentesse. “Su 926 studentesse, 815 sono tornate a scuola il giorno dopo l’attacco”, ha spiegato ai media internazionali il comandante Abdulmaliki Sumonu che ufficialmente nega si tratti di “rapimenti”. Prima di fuggire, i jihadisti di Boko Haram hanno saccheggiato la scuola. Delle ragazze rapite a Chibok, un caso che ha mobilitato la comunità internazionale, 100 sono riuscite a ricongiungersi con le loro famiglie lo scorso settembre. Altre erano state rilasciate a maggio nell’ambito di un controverso scambio di prigionieri tra il governo nigeriano e i terroristi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

India, le torri di lusso di Donald Trump Jr.? Ecco le immagini che indignano: donne scalze al lavoro nel cantiere

next
Articolo Successivo

Venezuela, l’opposizione: “Elezioni del 22 aprile sono simulazione fraudolenta. Non parteciperemo”

next