Commerciante a processo per ingiuria aggravata dall’odio razziale e lesioni dopo aver detto alla proprietaria dell’attività a fianco della sua: “Non fare entrare i tuoi figli ebrei nel mio negozio”. Come riportato dal Corriere della Sera, Leonardo Rabolini, 29 anni e titolare della Coin in zona quartiere Trieste a Roma, è imputato per le frasi rivolte alla vicina di religione ebraica Emma Veneziano.

I fatti risalgono al 31 luglio 2014: secondo l’accusa, Veneziano stava chiudendo la saracinesca del suo negozio quando Rabolini ha pronunciato le frasi contro i figli e, alla richiesta di spiegazioni, ha aggiunto: “Ebrei meritate di stare nei forni crematori”. E poi: “Siete la causa della morte di tanti palestinesi uccisi”. Il commerciante è accusato anche di aver dato un calcio alla donna, di fronte all’assenza di reazioni. Rabolini durante il processo si è difeso dicendo di “non aver mai pronunciato quelle e altre frasi dello stesso tenore”. Il processo è stato rinviato a settembre.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rifiuti, Renzi non risponde e attacca Fanpage: “Indagati, provate la vostra innocenza”. De Luca: “Ingoierete tutto”

prev
Articolo Successivo

Trento, tangenti per appalti nella sanità: sette arresti domiciliari e due società interdette

next