Commerciante a processo per ingiuria aggravata dall’odio razziale e lesioni dopo aver detto alla proprietaria dell’attività a fianco della sua: “Non fare entrare i tuoi figli ebrei nel mio negozio”. Come riportato dal Corriere della Sera, Leonardo Rabolini, 29 anni e titolare della Coin in zona quartiere Trieste a Roma, è imputato per le frasi rivolte alla vicina di religione ebraica Emma Veneziano.

I fatti risalgono al 31 luglio 2014: secondo l’accusa, Veneziano stava chiudendo la saracinesca del suo negozio quando Rabolini ha pronunciato le frasi contro i figli e, alla richiesta di spiegazioni, ha aggiunto: “Ebrei meritate di stare nei forni crematori”. E poi: “Siete la causa della morte di tanti palestinesi uccisi”. Il commerciante è accusato anche di aver dato un calcio alla donna, di fronte all’assenza di reazioni. Rabolini durante il processo si è difeso dicendo di “non aver mai pronunciato quelle e altre frasi dello stesso tenore”. Il processo è stato rinviato a settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, Renzi non risponde e attacca Fanpage: “Indagati, provate la vostra innocenza”. De Luca: “Ingoierete tutto”

next
Articolo Successivo

Trento, tangenti per appalti nella sanità: sette arresti domiciliari e due società interdette

next