Un centinaio di persone sta partecipando al flash mob promosso dal Movimento 5 Stelle davanti al palazzo della Regione Campania, a Napoli, per chiedere le dimissioni del governatore Vincenzo De Luca. Il secondogenito del presidente della giunta regionale, Roberto De Luca, è coinvolto nell’inchiesta della procura di Napoli su un giro di tangenti ai politici per lo smaltimento illecito dei rifiuti. Con smartphone e tablet, tutti si sono collegati a uno dei video dell’inchiesta di Fanpage “Bloody Money“. Un sistema “marcio”, per gli attivisti del movimento, riuniti a Santa Lucia, che puntano il dito anche contro De Luca padre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, Parenzo vs Davi: “Inchiesta Fanpage? Non approvo uso ex camorrista”. “Non fare moralista, pensa alla Zanzara”

next
Articolo Successivo

Salerno, M5S in comune: “Chiediamo al sindaco di accettare le dimissioni di Roberto De Luca”

next