Battibecco vivace nella trasmissione L’Aria che Tira(La7) tra la sua conduttrice, Myrta Merlino, e il deputato uscente del M5S, Alessandro Di Battista. Il botta e risposta nasce da una domanda della giornalista, che, citando una inchiesta di Panorama, chiede al parlamentare dove sia andato nello scorso agosto con 1.021 euro di spese di viaggio, quando non c’era attività parlamentare. “Davvero mi sta facendo questa domanda?” – insorge Di Battista – “Panorama chi è? Panorama è Berlusconi. Lo scorso agosto ho rinunciato alle mie ferie per fare campagna elettorale in Sicilia con la mia compagna che era incinta”. “Io ero certa che lei avesse fatto questo” – replica Merlino – “Ma che differenza c’è coi parlamentari del Pd che versano i soldi al partito per fare attività politica?”. “Lei è troppo intelligente per non capire l’enorme differenza” – risponde Di Battista – “Io non do i miei soldi in parte al partito, così tutti gli altri li intascano, come fanno tutti quelli del Pd. I miei soldi li do alle piccole e medie imprese private. Quelli del Pd, della Lega, di Forza Italia fanno un’altra cosa: alcuni pagano il partito addirittura per essere candidati, altri con la stragrande maggioranza dei soldi fanno spesso la bella vita. Io ho restituito oltre 200mila euro. Se lo avessero fatto tutti i parlamentari della Repubblica, ora avremmo un enorme fondo per sostenere la piccola e media impresa”. E aggiunge: “C’è un clamore mediatico su questo caso del M5S e nel frattempo c‘è la vicenda dei sversamenti dei rifiuti tossici, che coinvolgono esponenti importanti del Pd, messa nei trafiletti dei giornali“. La giornalista poi menziona un tweet del deputato Pd, Stefano Esposito, secondo cui, calcolatrice alla mano, con i 23 milioni di euro donati dal M5S al fondo per le Pmi si siano finanziate 7mila imprese, per un importo di appena 3.500 euro a impresa. “Non gli rispondo più” – commenta Di Battista – “Basta, io volo alto. Non me ne frega niente. Io sono fiero del M5s, così come milioni di cittadini italiani. Punto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni, Renzi: “Rimborsi M5S? Il problema è capire da che parte sta sull’Ue” e su Flat tax: “Come credere a Babbo Natale”

prev
Articolo Successivo

Caso restituzioni, blog M5s: “Coinvolti pure 3 parlamentari e 2 consiglieri regionali dell’Emilia”

next