“La campagna elettorale più sgangherata che ricordi”. Lo ha detto Emma Bonino, leader di +Europa, a Napoli per un appuntamento elettorale. “Ne abbiamo sentite di tutti i colori, e si spegneranno come candele il 5 marzo. Non è una novità, ma così tante e tutte insieme non ne ho viste altre”. È una campagna “fatta di bufale, a chi la spara più grossa, a chi promette cose improponibili”.

“Nella situazione di finanza pubblica in cui siamo – ha sottolineato – vorremmo fare in modo che questa ripresa, pur se fragile, non venga sprecata, ma consolidata e non si deve sprecare con maggiore debito”.

“Sarà più popolare e facile promettere tagli delle tasse e il canone, ma non è così – ha proseguito – La spesa pubblica del nostro paese può essere rimodulata all’interno, potremmo togliere qualche sussidio a perdere, qualche municipalizzata in rosso, ma non è il momento di fare altro debito”.

“Poco si capisce sul come votare con questo Rosatellum – ha concluso – Però vedo che in questo Paese c’è un polo isolazionista antieuropeo, un po’ triste e nazionalista che è anticamera del razzismo. Ci sono segnali che mi preoccupano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2018, Prodi sceglie “Insieme” e benedice Gentiloni: “Ha le idee chiare”

next
Articolo Successivo

Elezioni, ‘assunzioni nella pubblica amministrazione’: la stessa ricetta per il Sud da 150 anni

next