Lo striscione è stato srotolato nel bel mezzo di un convegno su “reddito e diseguaglianze” ospitato giovedì pomeriggio all’università Statale di Milano. Autori del blitz un grippo di studenti universitari e lavoratori che, assieme alla giornalista e ricercatrice Marta Fana “Costretti a interrompere – come spiegano sulla pagina Facebook del Laboratorio universitario metropolitano – i personaggi che hanno attivamente contribuito a rendere il lavoro una dimensione precaria e fonte di esclusione sociale, si sono riuniti nella più assoluta autoreferenzialità per continuare una tradizione nota: tracciare le sorti dei lavoratori senza che essi siano interpellati. Come studenti universitari, destinati quasi certamente al mondo del lavoro precario, oggi abbiamo deciso chiaramente di affermare che, da chi ha destrutturato il lavoro come fonte di legittimazione sociale, non accettiamo nessuna lezione”.

La stessa Marta Fana, in un post sulla sua pagina Facebook, ha poi dettagliato le ragioni della protesta: “La vostra Flessibilità, il nostro Sfruttamento. È questo quel siamo andati a dire oggi a Maurizio Sacconi, Marco Leonardi, alla Cisl e, nonostante l’assenza a Tiziano Treu, riuniti alla Statale di Milano per discutere senza alcun contraddittorio di salario minimo e diseguaglianze. Loro, i protagonisti delle riforme del mercato del lavoro, quelli che hanno precarizzato e impoverito i lavoratori, hanno ancora l’arroganza e la sfacciataggine di continuare a imporre una narrazione totalmente falsa, la stessa che porrà le basi per la prossima riforma contro i lavoratori”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, le 28 ore in Germania? Nel resto d’Europa se ne fanno meno che in Italia. Olanda, settimana lavorativa da 4 giorni

next
Articolo Successivo

Embraco, slitta l’accordo su 500 licenziamenti. Calenda: “Se non li ritirano sarà un atto di guerra al governo”

next