“Voi siete qui”. Se il mercato del lavoro fosse una mappa, il primo libro di Marta Fana, ‘Non è lavoro, è sfruttamento‘ (Laterza, 2017), sarebbe una freccia che indica dove si trovano milioni di lavoratori italiani. Quali tutele sopravvivono, quali prospettive rimangono, quali sacrifici ci aspettano. E se fino a ieri ci preoccupavamo dei voucher, è già tempo di pensare alle tante forme di lavoro gratuito. “Dagli straordinari non pagati dei part-time ai percorsi di alternanza scuola lavoro, aumentano gli italiani obbligati a offrire prestazioni gratis”, spiega. Effetti di “scelte prettamente politiche” che secondo Fana mostrano il loro vero volto: “Uno spostamento di potere a favore delle imprese”. Così anche per il Jobs act: “Nell’ultimo anno, i dati indicano che i nuovi occupati sono per il 94% a termine e quindi precari. Mentre appena il 6% è a tempo indeterminato”. E di fronte a chi taccia le sue analisi di “antagonismo” o “comunismo“, Fana non si nasconde: “Il conflitto esiste, non siamo tutti sulla stessa barca: pur sapendo che non avrebbero funzionato, nessun imprenditore si è opposto agli sgravi del governo Renzi”. E se la lotta di classe esiste, “a vincerla è il capitale”. Mentre il mondo del lavoro è diviso, segmentato in miriadi di rapporti differenti. Da dove ripartire? “Alla retorica che ci vuole tutti ‘imprenditori di noi stessi’ va opposta la consapevolezza di un destino comune”. Di più: “Il riconoscimento del nemico: se mi sfrutti non puoi pretendere la mia fiducia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Uber, Foodora e voucher: l’economia dei ‘lavoretti’ è già realtà. La prendiamo sul serio?

prev
Articolo Successivo

Honeywell, chiude lo stabilimento di Lanciano: a casa 420 dipendenti. Fim-Cisl: “Nessun incontro con i lavoratori”

next