C’è chi in Francia ha scatenato una rissa per portarsi a casa un barattolo scontato. E forse anche questo è il segnale di un successo di un prodotto. Che ha addirittura una giornata mondiale, come forse nessun altro. Ogni anno, il 5 febbraio, i fan di Nutella celebrano il loro “amore” per quella crema di nocciole che molti hanno tentato di imitare. L’idea è nata nel 2007 dalla blogger americana Sara Rosso che, sorpresa della poca fama della Nutella negli Usa, ha deciso, insieme alla sua amica e blogger Shelley Ruelle, di dare vita ad un giorno mondiale dedicato alla Nutella.

I fan di Nutella condividono attraverso foto, poesie e messaggi le loro storie e ricette sulla crema di nocciole più famosa al mondo prodotta da Ferrero. “Nutella – sottolinea una nota – crede che questa iniziativa debba essere portata avanti dai suoi fan, così come è iniziata nel 2007. A tal fine conta su ognuno dei suoi fan per condividere il loro amore e suggerire loro il modo migliore in cui celebrare il World Nutella Day”. I fan di Nutella possono, infatti, condividere il loro amore per la marca su Twitter @Nutelladay e sui loro profili social (Facebbook e Instagram) utilizzando l’hashtag #WorldNutellaDay.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Molestie, il manifesto delle giornaliste: “È ora di cambiare. Noi ci siamo”

prev
Articolo Successivo

Nina Moric: “Non ambisco ad una poltrona: con un servizio fotografico guadagno già quanto un parlamentare in un mese”

next