#Dante2018, è questo l’hashtag che in America Latina è risultato più volte al primo posto nei trend di Twitter. Il protagonista di questo rinnovamento culturale è Pablo Maurette, professore argentino di letteratura comparata a Chicago. L’idea è semplice, un canto al giorno per cento giorni. Ognuno legge per conto proprio il “canto del giorno” e poi, con l’hashtag, si commenta su Twitter insieme agli altri, analizzando il testo. Utenti di lingua spagnola dal Messico, dalla Colombia ma anche dalla Francia e dall’Australia, hanno subito accolto l’iniziativa, partecipando e twittando La Divina Commedia.

Non solo Twitter. Anche su Instagram il progetto è diventato virale, con utenti che rappresentano graficamente il canto letto oppure disegnano i gironi dell’Inferno dantesco. In alcuni locali di Buenos Aires e Città del Messico, gli utenti hanno organizzato una lettura collettiva del 34° canto. Per l’evento, sui muri argentini è stato scritto #Dante2018. Dal virtuale al reale, insomma. Dante2018 è iniziato il primo gennaio e terminerà il 10 aprile, ma il professor Pablo Maurette non si preoccupa. Ha già in mente di cominciare una futura lettura collettiva (con tanto di hashtag a tema) dei classici, magari Boccaccio o il Don Chisciotte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Garantiamo la giusta retribuzione a chi lavora nel teatro”. Carmentalia lancia la raccolta fondi: anche Canino e De Sio tra i sostenitori

prev
Articolo Successivo

Alberto Angela, l’erotismo nascosto della divulgazione scientifica

next