Il regista Luca Miniero, ospite del fattoquotidiano.it, racconta il suo filmSono Tornato” (nelle sale dall’1 febbraio), con Massimo Popolizio nei panni di Benito Mussolini che ‘magicamente’ piomba, attraverso la Porta Alchemica di Piazza Vittorio, nella Roma del 2017. Ed è parlando del film – remake della produzione tedesca che qualche anno fa proponeva una situazione analoga con il ritorno di Hitler – che Miniero spiega come oggi il Mussolini del film avrebbe gioco facile nel panorama politico italiano e “vincerebbe le elezioni”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sono Tornato, il “ritorno” di Benito Mussolini al tempo di migranti e tv del dolore è una commedia corrosiva da non perdere

next
Articolo Successivo

‘Sono tornato’, Frank Matano: “Il saluto romano è reato? Dipende da quanto lungo è il braccio”

next