Il regista Luca Miniero, ospite del fattoquotidiano.it, racconta il suo filmSono Tornato” (nelle sale dall’1 febbraio), con Massimo Popolizio nei panni di Benito Mussolini che ‘magicamente’ piomba, attraverso la Porta Alchemica di Piazza Vittorio, nella Roma del 2017. Ed è parlando del film – remake della produzione tedesca che qualche anno fa proponeva una situazione analoga con il ritorno di Hitler – che Miniero spiega come oggi il Mussolini del film avrebbe gioco facile nel panorama politico italiano e “vincerebbe le elezioni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono Tornato, il “ritorno” di Benito Mussolini al tempo di migranti e tv del dolore è una commedia corrosiva da non perdere

prev
Articolo Successivo

‘Sono tornato’, Frank Matano: “Il saluto romano è reato? Dipende da quanto lungo è il braccio”

next