Da sindaco marxista
ch’io fui di Fivizzano,
divenni liberista!
E a Silvio offrii l’inchino…

Del leader meneghino
io fui sommo poeta.
Divenni il suo zerbino:
Lodarlo? Unica meta!

Nel cantarlo incantato
nessuno arrivò a tanto!
Dissi che era “L’Inviato
dello Spirito Santo!”

Poi un giorno inviperito
dal miele che ho versato
estrassi tutto il fiele
che avevo digerito

Ai suoi servi e famigli
dissi ch’era “Ugolino…
che divorava i figli!
dalla sera al mattino…”

Così virai di botto:
divenni Verdiniano
Un modo liberista
di essere Renziano

Dissi con mano lesta
ch’ero “come Cicchitto”,
che “mai fummo di destra”
ma ora, son sconfitto…

Debbo posare l’arpa.
Le rime ho abbandonato
Come una vecchia scarpa
nessun mi ha candidato!

Oh Paese funesto!
Piango sulla tua sorte:
Come scordi sì lesto
Il tuo Poeta di Corte?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, in Sicilia spaccatura nel Pd: nascono i partigiani dem. “Renzi gestisce il partito in modo padronale”

next
Articolo Successivo

Elezioni, Lezzi (M5S) vs Lorenzin: “Non siamo No Vax”. “Raggi ha approvato mozione che aggira misure su vaccini”

next