Aveva cominciato a mettere sempre più spesso le mani alle orecchie senza una ragione. Un comportamento quello di “Giulio”, 7 anni, autistico, aveva insospettito i genitori. Il papà è riuscito a farsi dire il perché ed è scattata una denuncia. Gli investigatori della polizia giudiziaria della Procura di Palmi (Reggio Calabria) hanno scoperto che l’insegnante di sostegno in servizio nell’istituto comprensivo “Brogna” di Polistena maltrattava il bambino: pugni e schiaffi. L’indagato è stato sospeso quindi sospeso per un anno dal servizio dal gip di Palmi, Barbara Borelli, su richiesta del pm della Procura Anna Pensabene.

A confermare i maltrattamenti le riprese effettuate con telecamere nascoste nell’aula frequentata dal bambinodalle intercettazioni ambientali. Per gli inquirenti “attraverso continue, perduranti e reiterate vessazioni di ordine psicologico e fisico, consistite in ripetute imprecazioni, rimproveri, minacce e vere e proprie violenze fisiche e psichiche ripetutamente poste in essere, maltrattava il bambino, con l’unica intenzione criminosa di ledere l’integrità psicologica, morale e fisica dell’alunno, al punto tale da indurlo ad un persistente stato di soggezione, paura e disagio psico-fisico e tale da cagionargli sofferenze ed umiliazioni, rendendogli particolarmente dolorosa e quasi del tutto impossibile la frequentazione della scuola”. Nella nota si riferisce, inoltre, che “le riprese video, confermando quanto si era appreso dai genitori del bambino, hanno dimostrato in maniera inconfutabile come in più occasioni l’insegnante di sostegno abbia adottato comportamenti aggressivi e prevaricatori nei confronti dell’alunno. Il bambino reagiva chiudendosi in se stesso, isolandosi ed assumendo un atteggiamento quasi di difesa, portandosi frequentemente le mani alle orecchie”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giornata della Memoria, Mattarella: “Leggi razziali macchia infamante. Italia determinata nel realizzare la Shoah”

prev
Articolo Successivo

Milano, treno di Trenord deragliato. Il tecnico: “Così si è rotto il binario. Una serie di difetti, forse anche nei lavori”

next